Come ricevere messaggi di un altro numero

Come ricevere messaggi di un altro numero

Lo dico fin dall’inizio: spiare i cellulari degli altri resta illegale, l’unico motivo valido potrebbe essere quello di tenere sotto controllo gli smartphone di figli adolescenti per assicurarsi che non visitino siti web pericolosi o che siano in contatto con persone rischiose.

Se si intende spiare un dipendente o un’azienda partner per controllarne i movimenti, bisogna valutare se l’utilizzo rispetta la legge sulla privacy, sarebbe dunque opportuno che le compagnie informassero i propri dipendenti che i telefoni aziendali sono controllati per ragioni di sicurezza. In ogni caso, tutti gli utenti di smartphone devono essere sempre molto prudenti nell’utilizzo dei loro telefoni.

Per controllare gli sms senza venire scoperti oggi ci sono delle app spia, gratuite o a pagamento, ma per lo scopo si può utilizzare anche un programma di Keylogging, che permette di registrare ogni parola digitata con la tastiera, comprese quindi password e informazioni strettamente riservate. Vediamole ora.

IKEYMONITOR

IKeyMonitor è un programma di monitoraggio per il controllo dei dipendenti e familiari. L’applicazione è disponibile sia per Android che per iOS e permette di controllare gli scambi di messaggi in tutte le app e di registrare il testo digitato con la tastiera comprese le note vocali, rimanendo invisibile al destinatario.

La prima azione da compiere è installare iKeyMonitor sullo smartphone da spiare, poi bisogna digitare l’indirizzo localhost:8888 sul proprio smartphone e a quel punto sarà possibile settare la password per accedere alle app dell’altro dispositivo. Oltre agli SMS, sarà possibile anche spiare i messaggi dei social, le chiamate sia in entrata che in uscita, le cronologie di navigazione e, tramite la caratteristica aggiuntiva Keystrokes, si potranno conoscere tutte le parole digitate da tastiera. Ma la potenza dell’app si misura nel fatto che, a intervalli di tempo definiti, cattura gli screenshots del dispositivo spiato.

IKeyMonitor è gratuito solo nel periodo di prova di tre giorni, dopo di che bisognerà pagare 2,99€ al mese per ogni contatto che vogliamo controllare.

LOST ANDROID

Se vi hanno rubato o avete perso il telefono, Lost Android è l’app giusta per voi. Con questa sarete a conoscenza dove si trova lo smartphone in qualsiasi momento.

Per utilizzarla prima si deve installarla sul dispositivo scaricandola dal sito androidlost.com, poi bisogna registrarsi e abilitare tutti i permessi necessari.

Oltre alla sicurezza contro lo smarrimento, l’applicazione permette di controllare tutti i messaggi ricevuti e inviati, di scattare foto da remoto e – a pagamento – di verificare i contatti nella memoria del telefono.

SAFERKID TEXT MONITORING

SaferKid Text Monitoring, disponibile sia per Android che per iOS, è il miglior strumento di controllo parentale, permette di monitorare da remoto le attività di figli e adolescenti su qualunque dispositivo.

L’app viene offerta per un periodo gratuito di prova di sette giorni, è la migliore sul mercato in virtù del fatto che anticipa il pericolo e avverte il genitore prima che questo si manifesti.

INGEGNERIA SOCIALE

L’ingegneria sociale in campo informatico viene definita come lo studio dei comportamenti di una persona con lo scopo di carpirne informazioni utili, in realtà è diventata la nuova tecnica utilizzata dagli hacker per accedere all’interno dell’account degli utenti e riescono a leggere anche i nostri SMS.

Per proteggersi bisogna fare alcune misure sulle attività del nostro dispositivo e, in base ai risultati, decidere quali azioni intraprendere, anche legali se necessario.

KEYLOGGING

Il Keylogger è in grado di intercettare e memorizzare qualsiasi input proveniente dalla tastiera di smartphone o notebook, questo significa che qualcuno nascosto dall’altra parte dello schermo riesce a leggere tutto quello che viene digitato; vengono categorizzati come malware e possono infettare i nostri dispositivi.

Il problema è che basta un semplice click per installarli, dato che si mascherano spesso da file o da app, quindi bisogna controllare con frequenza il traffico di rete nel pannello di controllo e scansionare il dispositivo con antivirus o antimalware.